Cerca un mulino
News
15/03/2019
Incontro soci e simpatizzanti AIAMS di Piemonte e Valle d'Aosta
25/02/2019
Incontro soci e simpatizzanti AIAMS Lombardia
25/02/2019
Giornate dei mulini 2019
05/11/2018
LE RUOTE DEL COLORE - Atti del Convegno di Lamoli

Archivio News


Eventi
Concorso fotografico 2018
loc conc fot 2018rid
Italia
14/05/2018  10/02/2019
Giornate dei Mulini 2018
LOCANDINA GIORN 2018 PER SITO1

19/05/2018  20/05/2018
Francesco Guccini - LE PAROLE DEL MUGNAIO
cop parole mugnaio
Revere
30/01/2018  30/01/2018

Archivio Eventi




Mola della Refóta
04 02 2018 img 20180204 165730
Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune: Anticoli Corrado
Autore della scheda: Paola Elisabetta Simeoni
Nome del mulino: Mola della Refóta
Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune: Anticoli Corrado
Indirizzo Via - Strada:  
Frazione - Località:  
Tipologia del mulino: Acqua
Attività del mulino: Farina di cereali
Proprietà:  
Stato del mulino: In disuso
Informazioni sulla proprietà:  
Mulino visitabile:
Bibliografia: F. Giacinti-P. E. Simeoni, I mulini di Anticoli Corrado, in F. Fedeli Bernardini-P. E. Simeoni, Ricerca e territorio. Lavoro, storia, religiosità nella valle dell'Aniene, Leonardo-De Luca Ediori, Roma, 1991: 75-78.
Il mulino offre ospitalità: No
Note storiche sul mulino: Vi erano due mole ad Anticoli Corrado: la Mola della Refóta e la Mola Nova. Ambedue funzionavano secondo il sistema a "retrècine" comune a tutta l'area: si fondava sul principio dello sfruttamento dell'energia idraulica attraverso una ruota di legno di quercia in cui erano incassati dei "cóppi" (chucchiai o palette) di legno che raccoglievano la spinta dell'acqua per trasmetterla all'albero, sistema detto anche a "turbina". La turbina della mola della Refóta era però tutta in legno, mentre quella della Mola Nova era sia in legno che in ferro.
La Mola della Refóta constava di un solo ambiente, successivamente diviso, anche per maggiore diversificazione delle funzioni. Nei primi anni '90 del Novecento si presentava con un seminterrato con un tetto a unico spiovente, in parte simile alla tipologia delle stalle-fienile. Aveva un unico "palmento" per il mais, le fave, l'orzo, ecc.
Un enorme vascone a monte della mola , la "refóta", fungeva da serbatoio dell'acqua. Il flusso d'uscita era maggiore di quello d'entrata, il che comportava, d'estate soprattutto, l'inconveniente di poter lavorare al massimo solo due ore al giorno perché occorrevano d'altra parte 12 ore per riempire la vasca.
Le mole erano di proprietà del principe Brancaccio e venivano date in affitto ai mugnai che dovevano provvedere a tutte le spese della manutenzione del mulino. La precarietà del suo contratto d'affitto li sottoponeva ai vincoli di dipendenza feudale.
Il mestiere di mugnaio si tramandava di padre in figlio : la famiglia D'Andrea era affittuaria delle mole di Anticoli da almeno tre generazioni. Marito e moglie facevano i turni di lavoro di 3 o 4 ore ciascuno.
Il mugnaio veniva pagato L. 1,50 per 1 quintale di grano macinato per il quale occorrevano circa 2 ore di lavoro; si usava anche versare per il mugnaio dai 300 ai 500 grammi di farina in un apposito recipiente; ma vi erano dei contadini che pagavano solo in natura.
Al mulino venivano tre o quattro paesi dei dintorni; esisteva una forte rivalità tra mugnai che “lavoravano a rotta di collo per niente” pur di mantenere la propria clientela.