Cerca un mulino
News
19/04/2019
Gita in Romania dal 18 al 23 settembre
05/11/2018
LE RUOTE DEL COLORE - Atti del Convegno di Lamoli
13/05/2019
Scuola nazionale olio extravergine

Archivio News


Eventi
Giornate dei Mulini 2019
LOCANDINA 2019rid
Italia
18/05/2019  19/05/2019
Convegno sui frantoi da olio
locandina frantoi da olio rid
Sarzana (SP)
11/05/2019  12/08/2019
Concorso fotografico 2018
loc conc fot 2018rid
Italia
14/05/2018  10/02/2019
Francesco Guccini - LE PAROLE DEL MUGNAIO
cop parole mugnaio
Revere
30/01/2018  30/01/2018

Archivio Eventi




Mola Nòva
04 02 2018 img 20180204 171933 corr
Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune: Anticoli Corrado
Autore della scheda: Paola Elisabetta Simeoni
Nome del mulino: Mola Nòva
Regione: Lazio
Provincia: Roma
Comune: Anticoli Corrado
Indirizzo Via - Strada:  
Frazione - Località:  
Tipologia del mulino: Acqua
Attività del mulino: Farina di cereali
Proprietà:  
Stato del mulino: In disuso
Informazioni sulla proprietà:  
Mulino visitabile:
Bibliografia: F. Giacinti-P. E. Simeoni, I mulini di Anticoli Corrado, in F. Fedeli-Bernardini- P. E. Simeoni (a cura di), Ricerca e territorio. Lavoro, storia, religiosità nella valle dell'Aniene, Leonardo-De Luca Editori, Roma 1991: 75-78
Il mulino offre ospitalità: No
Note storiche sul mulino: Vi erano due mole ad Anticoli Corrado: la Mola della Refóta e la Mola Nova. Ambedue funzionavano secondo il sistema a "retrècine" comune a tutta l'area: si fondava sul principio dello sfruttamento dell'energia idraulica attraverso una ruota di legno di quercia in cui erano incassati dei "cóppi" (chucchiai o palette) di legno che raccoglievano la spinta dell'acqua per trasmetterla all'albero, sistema detto anche a "turbina". La turbina della mola della Refóta era però tutta in legno, mentre quella della Mola Nova era sia in legno che in ferro.
La Mola Nòva costruita alla fine del Settecento, si caratterizzava rispetto ad altri edifici analoghi, per maggior ricercatezza formale e articolazione delle diverse funzioni distribuite in quattro ambienti e su due piani: area di molitura e ambiente per animali al piano inferiore, alloggio per il mugnaio e e deposito al piano superiore.
L’acqua veniva condotta attraverso una canale artificiale con acquedotto lungo oltre 500 metri alimentato dalla sorgente Serena e da due fossi.
A ogni macina corrispondeva una turbina azionata dall’acqua della sorgente che, immessa in una canalizzazione scoperta, si divideva in due bracci prima della mola. Una piccola vasca di raccolta, il “bicchiere”, permetteva all’acqua di azionare le retrecine tramite una caduta prodotta dal dislivello. All’estremità della turbina era inserita tramite due alettoni fissati sul “palo”, l’asse di trasmissione del movimento, il “corrente”, la macina superiore. Il “letto”, cioè la macina inferiore, era invece fisso. La mola aveva due palmenti: uno macinava il grano, l’altro il grantruco, le fave, l’orzo, l’avena… Le macine erano di due tipi: l’una, chiara, proveniva dalla Francia ed era lavorata e commercializzata da una ditta marchigiana; l’altra scura era di peperino.
Per ciò che riguarda il lavoro del mugnaio: vedi la Mola della Refóta di Anticoli Corrado.