News
31/01/2017
I mulini da colori
23/11/2016
Novità editoriale AIAMS: "MULINI STORICI: Conoscenza e modi d'uso"

Archivio News


Eventi
Giornate Europee dei mulini 2017
locandina 2017rid
Italia
20 maggio  21 maggio
Convegno Lamoli
Locandina Lamoli rid

06/05/2017  06/05/2017

Archivio Eventi




Lo statuto

Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici

Statuto

 

Art. 1 - Costituzione dell'Associazione

 

E' costituita l' "Associazione Italiana amici dei mulini storici". L'associazione e i suoi organi direttivi hanno sede presso il MUSEO DEL PO - Piazza Castello n. 12 - 46036 REVERE (Mantova).

Possono essere istituiti uffici distaccati, sezioni e nuclei territoriali, comitati, organismi professionali, tecnici e scientifici, mediante deliberazione del Consiglio Direttivo.

L'attività dell'Associazione e i rapporti tra gli associati sono regolati dalle norme del presente statuto in conformità con quanto prescritto dal codice civile, dalla L. n. 383/2000 e dalla l.r. n. 01/2008.

Art. 2 - Durata

 

L'Associazione avrà durata fino all'anno 2050.

Art. 3 - Scopi dell'Associazione

 

Scopi dell'Associazione, che è di tipo culturale e senza fini di lucro, sono:

  • la riscoperta e valorizzazione culturale e turistica degli antichi mulini presenti nelle diverse località italiane, in funzione, in restauro e/o ristrutturazione, in modo che ne venga salvaguardata e protetta la loro valenza storica, architettonica e meccanica;
  • riunire gli amici dei mulini e quanti vogliono dare il loro apporto al raggiungimento dello scopo di cui al punto precedente: proprietari di opifici, studiosi, mugnai, esperti, tecnici e appassionati delle arti e civiltà molitorie;
  • adoperarsi per favorire la creazione di cantieri di restauro, ristrutturazione e di mantenimento dei mulini;
  • collaborare per censire e mappare i mulini esistenti in Italia riportandoli su una carta geografica usando una idonea simbologia in modo da evidenziare le diverse tipologie e lo stato di funzionalità e conservazione. Ciò con l'obiettivo di creare un albo nazionale dei mulini storici;
  • incoraggiare e sostenere la pubblicazione di saggi, ricerche, tesi di laurea e riviste destinate a far conoscere l'esistenza, le caratteristiche artistiche nonchè le tradizioni, la sociologia e la storia dei mulini;
  • mobilitare tutte le risorse disponibili per la conoscenza e la conservazione dei mulini e per la loro promozione per mezzo di pubblicazioni, memorie, conferenze, seminari, mostre, mezzi audiovisivi, musei, concorsi, gemellaggi, itinerari, adozioni di mulini e creazione di biblioteche tematiche;
  • attivarsi presso le sedi istituzionali competenti per promuovere normative che facilitino le pratiche amministrative e abbattano i costi per le ristrutturazioni, la captazione delle acque, il funzionamento e la tassazione dei mulini storici;
  • attivarsi perchè vengano costituite altre sezioni locali di amici dei mulini;
  • collegare l'Associazione con quelle similari italiane e estere.

Art. 4 - Soci

 

L'Associazione riunisce senza distinzione di origine, cittadinanza, religione o opinione gli amici dei mulini. Possono essere soci le persone fisiche e giuridiche e gli Enti pubblici e privati.

Sono previsti soci ordinari e onorari. Le domande di ammissione vanno rivolte al consiglio dell'Associazione in carta libera e su apposito modulo predisposto dal consiglio stesso.

L'Associazione si ispira ai principi di democrazia, uguaglianza e libertà.

Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l'eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti.

Il socio può, in qualsiasi momento e senza oneri, recedere dall'Associazione.

Ogni socio maggiorenne ha diritto ad un singolo voto in Assemblea.

Tutti i soci hanno diritto di partecipare all'attività dell'Associazione.

Tutti i soci hanno diritto di accedere ai documenti dell'Associazione.

Tutti i soci hanno l'obbligo di tenere un comportamento che non arrechi danno all'Associazione.

Tutti i soci devono collaborare al conseguimento dello scopo associativo.

Ogni socio è tenuto al pagamento, entro i termini prescritti, della quota associativa fissata dall'Assemblea dei soci.

L'importo delle quote annuali è fissato dall'assemblea annuale dei soci.

Art. 5 - Motivi di esclusione

 

Chiunque aderisce all'Associazione può esserne escluso in caso di rilevante inadempimento agli obblighi stabiliti dallo statuto o per altri gravi motivi.

L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo con provvedimento motivato e comunicato all'interessato. Entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione, il destinatario di tale provvedimento può ricorrere all'Assemblea che decide in via definitiva con il metodo del contraddittorio.

Art. 6 - Organi dell'Associazione

 

Gli organi dell'Associazione sono:

  • l'Assemblea dei soci;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Presidente;
  • il Vice-presidente;
  • Il Segretario.

Tutte le cariche sono elettive e gratuite.

Art. 7 - Assemblea dei soci

 

L'Assemblea è composta da tutti gli aderenti all'Associazione.

L'Assemblea è presieduta dal Presidente dell'Associazione o, in sua assenza, dal Vice-presidente.

L'Assemblea deve essere convocata dal Presidente almeno una volta all'anno. per l'approvazione del rendiconto economico-finanziario preventivo e consuntivo, o qualora ne facciano richiesta almeno un decimo degli aderenti.

L'Assemblea viene convocata mediante comunicazione scritta spedita ai singoli soci o mediante avviso affisso nella sede dell'Associazione e-mail con conferma di ricevimento almeno quindici giorni prima della data fissata per l'Assemblea. La convocazione deve contenere l'indicazione del luogo, del giorno, dell'ora della riunione e degli argomenti trattati.

L'Assemblea delibera, salvo quanto previsto per lo scioglimento dell'Associazione o per le modifiche allo statuto, a maggioranza dei voti dei soci presenti, di persona o per delega, purchè in regola col pagamento della quota associativa annuale, se prevista.

Gli aderenti possono farsi rappresentare in Assemblea solo da altri aderenti, conferendo delega scritta. Ciascun aderente può presentare un massimo di una delega scritta.

Delle riunioni dell'Assemblea è redatto verbale, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, che deve essere conservato presso la sede dell'Associazione, in libera visione a tutti i soci.

Art. 8 - Assemblea ordinaria

 

L'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza della metà più uno degli aderenti aventi diritto al voto, ed in seconda convocazione qualunque sia il numero degli aderenti aventi diritto al voto.

L'Assemblea ordinaria:

  • determina il numero ed elegge i componenti del Consiglio Direttivo;
  • revoca il mandato al Presidente o ai singoli componenti del Consiglio Direttivo;
  • approva l'ammontare della quota associativa su proposta del Consiglio Direttivo e i termini per il suo versamento;
  • discute e approva il rendiconto economico-finanziario consuntivo e quello preventivo;
  • approva gli indirizzi generali e i programmi di attività dell'Associazione predisposti del Consiglio Direttivo;
  • delibera in materia di responsabilità dei consiglieri;
  • discute e approva gli eventuali regolamenti attuativi che disciplinano la vita dell'Associazione.

Art. 9 - Assemblea straordinaria

 

L'Assemblea straordinaria è regolarmente costituita con la presenza di almeno 2/3 degli aderenti e delibera con il voto favorevole della maggioranza assoluta degli aderenti aventi diritto al voto, salvo quanto previsto in caso di scioglimento dell'Associazione.

L'Assemblea straordinaria:

  • modifica lo statuto dell'Associazione, su proposta del Consiglio Direttivo o di almeno un terzo degli aderenti aventi diritto al voto;
  • delibera lo scioglimento e la liquidazione dell'Associazione e la devoluzione del suo patrimonio.

Il cambiamento della sede dell'Associazione non necessita dei quorum deliberativi di cui al primo comma del presente articolo.

Art. 10 - Consiglio Direttivo

 

L'Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da un minimo di tre ad un massimo di undici componenti eletti dall'Assemblea ordinaria tra gli aderenti, per la durata di tre anni con possibilità di essere rieletti.

Il Consiglio Direttivo nomina al suo interno il Presidente dell'Associazione, il Vice-Presidente ed il Segretario.

Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno quattro volte l'anno, su convocazione del Presidente o quando ne facciano richiesta almeno un terzo dei suoi componenti. Le deliberazioni del Consiglio per essere valide devono essere prese con l'intervento della maggioranza dei suoi componenti e a maggioranza dei voti validamente espressi.

Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:

  • sottoporre all'approvazione dell'Assemblea i rendiconti economici - finanziari, preventivo e consuntivo annuali;
  • proporre l'ammontare della quota sociale annua;
  • predisporre il programma generale dell'Associazione da sottoporre all'Assemblea ordinaria;
  • determinare il programma di lavoro in base alle linee di indirizzo contenute nel programma generale approvato dall'Assemblea ordinaria, promuovendone e coordinandone l'attività e autorizzandone la spesa;
  • assumere, eventualmente, il personale necessario al funzionamento dell'Associazione;
  • accogliere o rigettare le domande degli aspiranti aderenti;
  • deliberare, secondo quanto dispone l'art 5 del presente statuto, l'esclusione del socio;
  • ratificare nella prima seduta successiva, i provvedimenti di propria competenza adottati dal Presidente per motivi di necessità e di urgenza.

In caso di cessazione dalla carica di uno o più consiglieri, il Consiglio Direttivo provvede alla loro surrogazione nominando i primi non eletti secondo i voti ottenuti in assemblea. Nel caso di cessazione di più della metà dei consiglieri, il Presidente deve convocare l'Assemblea ordinaria per la rielezione dell'intero Consiglio Direttivo.

Art. 11 - Il Presidente

 

Il Presidente dell'Associazione è eletto dal Consiglio Direttivo tra i suoi membri a maggioranza di voti. Presiede l'Assemblea ordinaria e straordinaria e lo stesso Consiglio Direttivo.

Il Presidente dura in carica quanto il Consiglio Direttivo e cessa dalla stessa per scadenza del mandato, per dimissioni volontarie o per eventuale revoca decisa dall'Assemblea ordinaria.

Il Presidente rappresenta legalmente l'Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio.

Il Presidente svolge l'ordinaria amministrazione sulla base delle direttive impartite dall'Assemblea e dal Consiglio Direttivo; in caso di necessità ed urgenza può compiere atti di straordinaria amministrazione che devono essere ratificati dal Consiglio Direttivo nella prima riunione successiva. Il Presidente riferisce al Consiglio Direttivo in merito all'Attività compiuta.

Il Vice-Presidente sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione ogniqualvolta questi sia impossibilitato all'esercizio delle sue funzioni.

Il Segretario dell'Associazione coadiuva il Presidente e il Vicepresidente nell'amministrazione dell'Associazione, redige i verbali dell'Assemblea e del Consiglio Direttivo, cura la tenuta dei libri sociali e ne assicura la libera visione ai soci.

Art. 12 - Entrate economiche

 

L'Associazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della propria attività da:

  • quote e contributi degli associati;
  • eredità, donazioni e legati;
  • contributi dello Stato, delle regioni, di enti locali, di enti o di istituzioni pubblici, anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell'ambito dei fini statutari;
  • contributi dell'Unione Europea e di organismi internazionali;
  • entrate derivanti da prestazioni di servizi convenzionati;
  • proventi delle cessioni di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale, artigianale o agricola, svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
  • erogazioni liberali degli associati e dei terzi;
  • entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento, quali feste e sottoscrizioni anche a premi;
  • altre entrate compatibili con le finalità sociali dell'associazionismo di promozione sociale.

L'importo della quota associativa è deliberata dall'Assemblea dei soci su proposta del Consiglio Direttivo.

L'aderente non ha alcun diritto sulla quota o sui contributi versati, nè può chiederne la restituzione in caso di proprio recesso o di esclusione o in caso di scioglimento dell'Associazione.

È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonchè fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

È fatto obbligo di reinvestire l'eventuale avanzo di gestione a favore di attività istituzionali statutariamente previste.

Art. 13 - Aspetti amministrativi

 

L'anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo deve redigere il rendiconto economico - finanziario preventivo e quello consuntivo. Il rendiconto economico-finanziario consuntivo deve essere redatto seguendo il principio contabile cosiddetto di competenza.

Il rendiconto economico-finanziario preventivo e quello consuntivo devono essere approvati dall'Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di Aprile.

I rendiconti devono essere depositati presso la sede dell'Associazione entro i 15 giorni precedenti alla loro approvazione per poter essere consultati da ogni associato.

Art. 14 - Scioglimento dell'Associazione

 

Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dall'Assemblea straordinaria con il voto favorevole di 3/4 dei soci. Nella delibera di scioglimento deve essere individuato il liquidatore del patrimonio sociale e i criteri di devoluzione dello stesso. Il Patrimonio residuo dell'Ente deve essere devoluto ad associazione con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità.

Art. 15 - Regolamento del Consiglio

 

Il Consiglio Direttivo può adottare un regolamento interno che dovrà essere approvato dall'Assemblea.

Art. 16

 

Per quanto non previsto dal presente statuto si applicano le vigenti norme del Codice civile.

Mantova, 5 luglio 2011

Associazione Italiana Amici dei Mulini Storici