faceb      youtube testot      openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
    Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
    MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
    Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
    Mulino Cima Sappada Foto di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
    Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
    Mulinetto_della_Croda_TV Foto di Barcarolo_E.
  • Mulino natante di Revere
    Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
    Mulino Scarbolo
lista mulini
.
.
Nome mulinoMulino di Martorelli
RegioneLazio
ProvinciaRieti
Comune:Borgorose
Indirizzo S. Stefano
TipologiaAcqua
AttivitaFarina di cereali
ProprietaPubblico
Info proprietàRiferimenti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cell. 333 11 03 656
StatoIn disuso
VisitabileSi
OspitalitaNo
Bibliografia
Note storicheIn S. Stefano è significativa ed importante la presenza di ben 12 mulini idraulici ubicati lungo un canale alle pendici di una collina. Quando veniva fatta defluire l' acqua, catturata dal torrente Apa, in località Valle di Malito, attraverso una galleria scavata nel I° secolo d.C., si consentiva a tutti i 12 mulini di macinare. La galleria lunga 800 m., larga 1,50 m e alta 2,5 m, già utilizzata per portare l'acqua alle terme romane sulla sottostante piana di Corvaro, veniva usata come bottino o serbatoio di carico, meglio conosciuta in zona col termine di "Refota". Per "Refota " non si intende soltanto la galleria ma tutto il canale dei mulini compresa l'acqua che vi scorreva. Il Mulino ad Acqua di S. Stefano Seguendo il corso dell' acqua, da monte a valle, è il primo mulino ubicato subito dopo la galleria d'epoca Romana di una serie di ben 12 mulini. Tutti costruiti alla fine del secolo XVII di cui : quattro costruiti all' interno del paese di S. Stefano; otto lungo lo sbalzo che va dalla località "AIE" alla piana in località San Silvestro (Santu Selvestru). Sono stati realizzati con materiale reperito in loco(legno di quercia, pietre e calce ricavata dalle "Calecare" locali). Le macine invece, sono state acquistate dalla Valle d 'Aosta. Il mulino "Martorelli" è l'unico che nei secoli ad eccezione dello stipite della porta rifatta in cemento (che era stata realizzata con pietre e legno) non ha subito alterazioni nella struttura e nel meccanismo di funzionamento. La sua conservazione strutturale è dovuta al fatto che è stato l'ultimo dei dodici a smettere a smettere di macinare nel 1956 a causa della morte del proprietario del mulino : Martorelli Giacomo. Nel 1944 in seguito agli avvenimenti bellici della II guerra mondiale che portarono alla distruzione dei mulini elettrici "Mola di Ulisse in località Madonna di Collefegato" fu riattivato e continuamente utilizzato dalla popolazione di S. Stefano, Corvaro, Spedino, Cartore e S. Anatolia fino al 1956. Dal 1956 ad oggi ne ha curato la conservazione con sapienza ed appassionata capacità artigianale il figlio di Giacomo, Domenico Martorelli che aveva acquisito tutti i segreti del mugnaio (Molenaru), conservando tutti gli accessori necessari per il funzionamento del mulino. Era prassi e consuetudine familiare (non solo a S. Stefano), che il mulino venisse ereditato dai figli maschi, mentre alle donne restava solo il diritto di macinare gratis.

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale



Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda

Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda