faceb      youtube testot      openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
    Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
    MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
    Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
    Mulino Cima Sappada Foto di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
    Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
    Mulinetto_della_Croda_TV Foto di Barcarolo_E.
  • Mulino natante di Revere
    Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
    Mulino Scarbolo
lista mulini
.
.
Nome mulinoMulino pestasassi di Nove
RegioneVeneto
ProvinciaVicenza
Comune:Nove
IndirizzoVia Munari, 19
TipologiaAcqua
Attivita~Altro
ProprietaPrivato
Info proprietàFamiglia Stringa
StatoMuseo
VisitabileSi
OspitalitaNo
Bibliografia- Un mulino da pestar sassi, ultimo retaggio dell’antica Nove, in “Vicenza”, n 6, 1968 - Un mulino da ”pestar sassi”, in “Ceramica Italiana nell’Edilizia”, n 47, 1972 - Un raro esempio di “archeologia artigianale”: il mulino di Nove, in “Guida ai dialetti veneti”, Atti del XV Convegno di dialettologia veneta, Padova, 1993 - Un ultimo esempio di mulino settecentesco per la ceramica, in “Faenza”, Anno XCIII (2007), n. 1-3, 2007
Note storicheAntico “mulino pestasassi” Baccin-Cecchetto-Stringa Attivo dal XVIII secolo, il mulino rimane oggi il più antico superstite del suo genere in Europa. E’ una fondamentale testimonianza per la storia della manifattura ceramica e dell'artigianato artistico in generale. Una discreta documentazione ha consentito di analizzare i suoi usi e i vari adattamenti subìti lungo gli oltre due secoli di vita. La data 1638 incisa sul camino esterno corrisponde al termine della costruzione, che anticipa di quasi un secolo la prima affermazione della manifattura ceramica nella zona: si ipotizza pertanto che inizialmente il fabbricato fosse utilizzato per altri scopi. Nel 1791, il Magistrato alle Acque della Repubblica Veneziana, diede la concessione all'imprenditore Giovanni Maria Baccin, allora direttore della famosa manifattura Antonibon, di usufruire di una certa quantità d'acqua della roggia Isacchina, estratta dal corso del Brenta allo scopo di macinare e polverizzare ciottoli di quarzo e di carbonato di calcio, facilmente reperibili nel greto del fiume, utilizzati per la preparazione della terraglie e per la macinatura delle fritte per le vernici e gli smalti. Nel 1817 la proprietà passò alla famiglia Cecchetto, che per tutto l'Ottocento continuò la produzione di impasti e vernici per la propria manifattura fino al 1929, e per varie fabbriche del territorio novese e vicentino fino agli inizi degli anni Sessanta. Nel 1965 il mulino fu acquisito dalla famiglia Stringa, attuale proprietaria, che ha curato il restauro e la valorizzazione dell'intero complesso. Grazie al discreto stato di conservazione, l'opificio viene attualmente utilizzato a scopo dimostrativo ed è considerato un punto di riferimento della storia ceramica veneta, un importante monumento di archeologia artigianale e industriale. Dal 27 giugno del 1991 l'intero complesso è sottoposto a tutela monumentale da parte della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici del Veneto ed è stato dichiarato di interesse particolarmente importante dal Ministero per i Beni Culturali.

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale



Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda

Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda