faceb      youtube testot      openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
    Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
    MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
    Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
    Mulino Cima Sappada Foto di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
    Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
    Mulinetto_della_Croda_TV Foto di Barcarolo_E.
  • Mulino natante di Revere
    Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
    Mulino Scarbolo
lista mulini
.
Nome mulinoCartiera Amicucci Graziosi
RegioneLazio
ProvinciaRoma
Comune:Tivoli
IndirizzoVia degli Stabilimenti, 6 00019
TipologiaAcqua
AttivitaCartiera
ProprietaPubblico
Info proprietàDopo anni di abbandono le cartiera Amicucci Graziosi venne acquistata dal comune di Tivoli nel 2000 con l’intenzione di riqualificarla. Nel marzo 2009 un importante crollo ha coinvolto parte della struttura.
StatoIn disuso
VisitabileNo
OspitalitaNo
Bibliografia
Note storicheSin dal XV secolo, lungo il fiume Aniene nel Lazio, è documentata la presenza di opifici per la produzione della carta. Tra i vari centri urbani che ospitavano le cartiere spicca senz’altro la città di Tivoli che conserva tuttora imponenti rovine industriali di questa tipologia di fabbriche. L’ex-cartiera Amicucci Graziosi sorge all’interno della città vecchia a strapiombo sulla valle dove scorre il fiume Aniene. Era già esistente alla fine dell’800 (se ne parla, insieme ad altre tre: la Ranzi, la Rigamonti e la Barberi). La pendenza naturale della rocca dov’è stata costruita venne sfruttata per i processi industriali della produzione della carta, a partire dal piazzale dove arrivava la materia prima (parte più in alto di tutte) fino all’immensa sala delle rotative (la più in basso di tutte). Nel corso di alcuni lavori di ampliamento della cartiera, nell’agosto 1952, vennero alla luce i resti di una necropoli del V-IV sec. a. C. Negli anni ’60 e ’70 cambiò proprietà e nome e divenne Cartiera Parmeggiani. Il procedimento utilizzato per la produzione della carta era più o meno il seguente: • La materia prima (polpa di legno, carta da riciclo o stracci) veniva inserita nei bollitori sferici (che nella cartiera di Tivoli si trovano immediatamente sotto al piazzale dove i camion scaricavano) dove era macerata ad alta temperatura (120° circa) unitamente a soda caustica o calce viva. • L’impasto così ottenuto era versato in enormi vasche sottostanti i bollitori e da qui caricato, tramite viti senza fine, nelle molazze per la sfilacciatura delle fibre. • Successivamente si passava alle pile olandesi, vasche piene d’acqua, dove un cilindro a lamelle raffinava lo sfilacciamento delle fibre. In questa fase venivano aggiunti eventuali additivi all’impasto (collanti, sbiancanti, etc.). • C’era quindi il passaggio nelle tine di macchina per arrivare alla corretta diluizione che permettesse di stenderlo uniformemente nelle tele di rame dei tamburi della macchina continua. • L’ultimo passaggio era la stesura ed essiccamento nella macchina continua a tamburi.

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale



Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda

Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda