faceb      youtube testot      openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
    Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
    MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
    Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
    Mulino Cima Sappada Foto di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
    Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
    Mulinetto_della_Croda_TV Foto di Barcarolo_E.
  • Mulino natante di Revere
    Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
    Mulino Scarbolo
lista mulini
Nome mulinoMola Nòva
RegioneLazio
ProvinciaRoma
Comune:Anticoli Corrado
Indirizzo
TipologiaAcqua
AttivitaFarina di cereali
ProprietaSconosciuta
Info proprietà
StatoIn disuso
VisitabileSi
OspitalitaNo
BibliografiaF. Giacinti-P. E. Simeoni, I mulini di Anticoli Corrado, in F. Fedeli-Bernardini- P. E. Simeoni (a cura di), Ricerca e territorio. Lavoro, storia, religiosità nella valle dell'Aniene, Leonardo-De Luca Editori, Roma 1991: 75-78
Note storicheVi erano due mole ad Anticoli Corrado: la Mola della Refóta e la Mola Nova. Ambedue funzionavano secondo il sistema a "retrècine" comune a tutta l'area: si fondava sul principio dello sfruttamento dell'energia idraulica attraverso una ruota di legno di quercia in cui erano incassati dei "cóppi" (chucchiai o palette) di legno che raccoglievano la spinta dell'acqua per trasmetterla all'albero, sistema detto anche a "turbina". La turbina della mola della Refóta era però tutta in legno, mentre quella della Mola Nova era sia in legno che in ferro. La Mola Nòva costruita alla fine del Settecento, si caratterizzava rispetto ad altri edifici analoghi, per maggior ricercatezza formale e articolazione delle diverse funzioni distribuite in quattro ambienti e su due piani: area di molitura e ambiente per animali al piano inferiore, alloggio per il mugnaio e e deposito al piano superiore. L’acqua veniva condotta attraverso una canale artificiale con acquedotto lungo oltre 500 metri alimentato dalla sorgente Serena e da due fossi. A ogni macina corrispondeva una turbina azionata dall’acqua della sorgente che, immessa in una canalizzazione scoperta, si divideva in due bracci prima della mola. Una piccola vasca di raccolta, il “bicchiere”, permetteva all’acqua di azionare le retrecine tramite una caduta prodotta dal dislivello. All’estremità della turbina era inserita tramite due alettoni fissati sul “palo”, l’asse di trasmissione del movimento, il “corrente”, la macina superiore. Il “letto”, cioè la macina inferiore, era invece fisso. La mola aveva due palmenti: uno macinava il grano, l’altro il grantruco, le fave, l’orzo, l’avena… Le macine erano di due tipi: l’una, chiara, proveniva dalla Francia ed era lavorata e commercializzata da una ditta marchigiana; l’altra scura era di peperino. Per ciò che riguarda il lavoro del mugnaio: vedi la Mola della Refóta di Anticoli Corrado.

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale

Verbale dell Assemblea

Pubblicazione del verbale dell'Assemblea AIAMS 2021 tenuta il 19/09/2021.

 Leggi il verbale



Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda

Convegno Vie dei mulini veronesi

Vie dei mulini

Convegno a Isola della Scala

Sabato 9 ottobre

Vedi scheda