faceb      youtube testot   Mappa Mulini Storici   openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
  • Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
TIPOLOGIE DEI MULINI AD ACQUA

di Vittorio Galliazzo

I principali meccanismi di funzionamento che portano alla macinazione sono in sostanza due: quelli del mulino a ruota orizzontale (o a ritrecine) e quelli del mulino a ruota verticale (e con quest'ultimo tipo vanno pure i mulini con "ruote pendenti" e quelli con "ruote galleggianti").

Ruota idraulica orizzontale o "a ritrecine" (detto anche "previtruviano" o nordico o norvegese o scandinavo).

Nella sua concezione si tratta di un mulino elementare e semplice: una piccola ruota provvista di palette perimetriche inserite o calettate verso l'estremità di un palo regolarizzato viene posta orizzontalmente entro una corrente d'acqua, mentre una macina corrente viene collegata con l'altra estremità del palo; l'acqua fa girare la ruota e con essa la macina corrente. Questa macchina molitoria "a trasmissione diretta del movimento" è di facile intuizione ed è assai probabile che proprio per questo abbia preceduto il mulino a ruota verticale (è stata rinvenuta infatti nello Jutland e in altre terre nordiche ancora in età preromana, nonché in Cina). Tuttavia tale versione "primitiva" presentava vari difetti. La ruota doveva essere relativamente piccola e quindi era provvista di scarsa energia idraulica, finendo per essere incapace di far ruotare una macina di grandi proporzioni. Era poi troppo lenta perché a un giro della ruota corrispondeva un solo giro della macina. La stessa disposizione delle palette (in verticale od oblique) non garantiva una felice e sicura rotazione della ruota stessa. La sua verticalità obbligava poi ad una macinazione in verticale e sull'acqua, creando parecchi problemi di ordine statico e funzionale (grano e farina venivano a trovarsi "sopra" la ruota). In pratica l'unico vantaggio consisteva nel fatto che costituiva l'unico mulino possibile in zone aride o montuose, o comunque attraversate da corsi d'acqua a carattere torrentizio o di modesto volume, anche se per metterlo in opera era necessario ricorrere a opportune canalizzazioni o a riserve d'acqua che garantissero un'efficiente rotazione della ruota. La soluzione definitiva a tutti questi problemi si ebbe, a quanto sembra, nel corso del Medioevo, quando la primitiva ruota d'acqua fu gradualmente sostituita con il "ritrecine".                                                            

                                                                Mulino a ritrecine     Molino a ritrecine

Ruota idraulica verticale (detto anche storico o vitruviano e chiamato nel mondo greco-ellenistico hydralétes). Si tratta di un mulino, assai evoluto e "a trasmissione indiretta", che Vitruvio chiama hydraleta (ma forse si tratta di una moderna restituzione testuale) e che descrive chiaramente nel suo celebre trattato De architectura (10,5,2), dando per certo che era ampiamente noto nel I secolo a.C. In questo caso il meccanismo condizionante, che portava alla rotazione della macina, era costituito di due diversi elementi rotanti: una grande ruota con denti presso la sua circonferenza detta "lubecchio" e una piccola ruota cilindrica detta "rocchetto" o anche "lanterna" con tanti equidistanti fuselli perimetrici nel cui asse stava l'albero della macina rotante. Collegato e posto in rotazione attraverso un fuso assiale con la ruota d'acqua (situata in genere "fuori" dell'edificio molitorio), il lubecchio ad ogni giro imboccava con i suoi denti l'interspazio tra i fuselli, moltiplicando notevolmente le rotazioni del "rocchetto" e con esso quelle della macina corrente. I vantaggi di questa macchina molitoria erano notevoli: una grande energia idraulica che permetteva di impiegare macine di rilevanti proporzioni; la possibilità di far girare a volontà la macina corrente sulla macina dormiente, raggiungendo così il massimo dell'efficienza; la sua disponibilità a risolvere eventuali problemi costruttivi del mulino stesso; ed infine la sua plurifunzionalità capace di dare risposte diverse da quelle molitorie, sicché, dopo alcune opportune modifiche, al posto della macina potevano stare frantoi per le olive, gualchiere, "battiferri" o altro ancora (possibilità che peraltro si avevano pure, ma in grado minore, anche con l'introduzione delle forme più evolute di "ritrecine")

                                                                         Lubecchio  lubecchio

TIPOLOGIA DELLE RUOTE IDRAULICHE VERTICALI

Le ruote erano in genere costruite impiegando quasi sempre il legno, anche se questo, soprattutto negli ultimi due secoli, è stato frequentemente sostituito dal metallo (soprattutto dal ferro), oppure si è data alla ruota una struttura mista con parti di legno e parti di metallo (in particolare le pale sono spesso in lamine di ferro per lo più incurvate). L'applicazione delle "pale" alla rispettiva corona è quanto mai varia e spesso dipende dalle tradizioni locali.

Quanto alle posizioni delle ruote rispetto all'acqua, possiamo avere:

  • "ruote verticali", che possono essere azionate: "per di sotto" (in questo caso l'acqua colpisce le pale in basso facendo assumere alla ruota una rotazione antioraria); "per di sopra" (in questo caso la ruota si presenta quasi sempre "a cassette", o per dirla con un termine cinquecentesco "a copedelli" o "copeélli" e l'acqua, convogliata da una doccia, colpisce in alto le pale "a cassetta", facendo assumere alla ruota una rotazione con verso orario: l'energia rotante è dovuta sia alla spinta dell'acqua, sia al peso di questa nelle cassette e proprio per questo viene anche detta ruota d'acqua "di carico"); "di fianco" (in questo caso l'acqua finisce contro un fianco della ruota con l'aiuto di un distributore battente provvisto di direttrici, sicché la ruota assume una rotazione con verso orario rimanendo un po' sommersa).

Ruota verticale da sotto            Ruota verticale da sopra               

                                   Ruota verticale alimentata da sotto                       Ruota verticale alimentata da sopra      


Verbale Assemblea 8 maggio 2022

Assemblea soci 2022

Leggi il

verbale

d'Assemblea.

Verbale Assemblea 8 maggio 2022

Assemblea soci 2022

Leggi il

verbale

d'Assemblea.



Mulini Macina Cultura

Sabato 22 ottobre a Revere (MN)

Visita al mulino natante,concerto letture e degustazioni.

Info

Mulini Macina Cultura

Sabato 22 ottobre a Revere (MN)

Visita al mulino natante,concerto letture e degustazioni.

Info



Festa dei Mugnai 2022

Borgo Lentino (PC)

Dom. 20 novembre

FESTA DEI MUGNAI

Vedi programma

Festa dei Mugnai 2022

Borgo Lentino (PC)

Dom. 20 novembre

FESTA DEI MUGNAI

Vedi programma



Assemblea soci

Sabato 10 dicembre ore 11 a Revere (MN) presso la sede comunale

Assemblea per modifica statuto.

Contatti: info@aiams.eu

Assemblea soci

Sabato 10 dicembre ore 11 a Revere (MN) presso la sede comunale

Assemblea per modifica statuto.

Contatti: info@aiams.eu



Eventi in Lombardia

MULINI

MACINA

CULTURA

            Rassegna culturale

               II Edizione _2022

Vedi programma

Eventi in Lombardia

MULINI

MACINA

CULTURA

            Rassegna culturale

               II Edizione _2022

Vedi programma



Convegno AIAMS a Roma

MULINI E OPIFICI STORICI

Roma - Parco dell'Appia antica

1 -2 ottobre 2022

Vedi programma

 

Per chi non può essere presente esiste la possibilità di assistere ed eventualmente intervenire da remoto utilizzando la piattaforma Zoom.

Ecco di seguito i riferimenti:

Argomento: Mulini e opifici storici - un patrimonio culturale da tutelare
Ora: 1 ott 2022 09:30 AM RomaEntra nella riunione in Zoom
https://us06web.zoom.us/j/82842543851?pwd=NmRGY2o4QzBvSUNaZUVib3BsdS94Zz09

ID riunione: 828 4254 3851

Passcode: 200026

 

 

Convegno AIAMS a Roma

MULINI E OPIFICI STORICI

Roma - Parco dell'Appia antica

1 -2 ottobre 2022

Vedi programma

 

Per chi non può essere presente esiste la possibilità di assistere ed eventualmente intervenire da remoto utilizzando la piattaforma Zoom.

Ecco di seguito i riferimenti:

Argomento: Mulini e opifici storici - un patrimonio culturale da tutelare
Ora: 1 ott 2022 09:30 AM RomaEntra nella riunione in Zoom
https://us06web.zoom.us/j/82842543851?pwd=NmRGY2o4QzBvSUNaZUVib3BsdS94Zz09

ID riunione: 828 4254 3851

Passcode: 200026

 

 




We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.