faceb      youtube testot      openstreetmap

  • Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
    Mulino_Culcasi_TP Foto di Cusenza G.
  • MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
    MulinoGermolli LU, foto di E_Albiani_
  • Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
    Mulino Germolli, Foto di E. Albiani
  • Mulino Cima Sappada  Foto  di S. Zanetti
    Mulino Cima Sappada Foto di S. Zanetti
  • Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
    Vecchio Mulino PV1, Foto di Roncato L.
  • Barcarolo_Enrico_Mulinetto_della_Croda_TV
    Mulinetto_della_Croda_TV Foto di Barcarolo_E.
  • Mulino natante di Revere
    Mulino natante di Revere
  • Mulino Scarbolo
    Mulino Scarbolo
TIPOLOGIE DEI MULINI AD ACQUA

di Vittorio Galliazzo

I principali meccanismi di funzionamento che portano alla macinazione sono in sostanza due: quelli del mulino a ruota orizzontale (o a ritrecine) e quelli del mulino a ruota verticale (e con quest'ultimo tipo vanno pure i mulini con "ruote pendenti" e quelli con "ruote galleggianti").

Ruota idraulica orizzontale o "a ritrecine" (detto anche "previtruviano" o nordico o norvegese o scandinavo).

Nella sua concezione si tratta di un mulino elementare e semplice: una piccola ruota provvista di palette perimetriche inserite o calettate verso l'estremità di un palo regolarizzato viene posta orizzontalmente entro una corrente d'acqua, mentre una macina corrente viene collegata con l'altra estremità del palo; l'acqua fa girare la ruota e con essa la macina corrente. Questa macchina molitoria "a trasmissione diretta del movimento" è di facile intuizione ed è assai probabile che proprio per questo abbia preceduto il mulino a ruota verticale (è stata rinvenuta infatti nello Jutland e in altre terre nordiche ancora in età preromana, nonché in Cina). Tuttavia tale versione "primitiva" presentava vari difetti. La ruota doveva essere relativamente piccola e quindi era provvista di scarsa energia idraulica, finendo per essere incapace di far ruotare una macina di grandi proporzioni. Era poi troppo lenta perché a un giro della ruota corrispondeva un solo giro della macina. La stessa disposizione delle palette (in verticale od oblique) non garantiva una felice e sicura rotazione della ruota stessa. La sua verticalità obbligava poi ad una macinazione in verticale e sull'acqua, creando parecchi problemi di ordine statico e funzionale (grano e farina venivano a trovarsi "sopra" la ruota). In pratica l'unico vantaggio consisteva nel fatto che costituiva l'unico mulino possibile in zone aride o montuose, o comunque attraversate da corsi d'acqua a carattere torrentizio o di modesto volume, anche se per metterlo in opera era necessario ricorrere a opportune canalizzazioni o a riserve d'acqua che garantissero un'efficiente rotazione della ruota. La soluzione definitiva a tutti questi problemi si ebbe, a quanto sembra, nel corso del Medioevo, quando la primitiva ruota d'acqua fu gradualmente sostituita con il "ritrecine".                                                            

                                                                Mulino a ritrecine     Molino a ritrecine

Ruota idraulica verticale (detto anche storico o vitruviano e chiamato nel mondo greco-ellenistico hydralétes). Si tratta di un mulino, assai evoluto e "a trasmissione indiretta", che Vitruvio chiama hydraleta (ma forse si tratta di una moderna restituzione testuale) e che descrive chiaramente nel suo celebre trattato De architectura (10,5,2), dando per certo che era ampiamente noto nel I secolo a.C. In questo caso il meccanismo condizionante, che portava alla rotazione della macina, era costituito di due diversi elementi rotanti: una grande ruota con denti presso la sua circonferenza detta "lubecchio" e una piccola ruota cilindrica detta "rocchetto" o anche "lanterna" con tanti equidistanti fuselli perimetrici nel cui asse stava l'albero della macina rotante. Collegato e posto in rotazione attraverso un fuso assiale con la ruota d'acqua (situata in genere "fuori" dell'edificio molitorio), il lubecchio ad ogni giro imboccava con i suoi denti l'interspazio tra i fuselli, moltiplicando notevolmente le rotazioni del "rocchetto" e con esso quelle della macina corrente. I vantaggi di questa macchina molitoria erano notevoli: una grande energia idraulica che permetteva di impiegare macine di rilevanti proporzioni; la possibilità di far girare a volontà la macina corrente sulla macina dormiente, raggiungendo così il massimo dell'efficienza; la sua disponibilità a risolvere eventuali problemi costruttivi del mulino stesso; ed infine la sua plurifunzionalità capace di dare risposte diverse da quelle molitorie, sicché, dopo alcune opportune modifiche, al posto della macina potevano stare frantoi per le olive, gualchiere, "battiferri" o altro ancora (possibilità che peraltro si avevano pure, ma in grado minore, anche con l'introduzione delle forme più evolute di "ritrecine")

                                                                         Lubecchio  lubecchio

TIPOLOGIA DELLE RUOTE IDRAULICHE VERTICALI

Le ruote erano in genere costruite impiegando quasi sempre il legno, anche se questo, soprattutto negli ultimi due secoli, è stato frequentemente sostituito dal metallo (soprattutto dal ferro), oppure si è data alla ruota una struttura mista con parti di legno e parti di metallo (in particolare le pale sono spesso in lamine di ferro per lo più incurvate). L'applicazione delle "pale" alla rispettiva corona è quanto mai varia e spesso dipende dalle tradizioni locali.

Quanto alle posizioni delle ruote rispetto all'acqua, possiamo avere:

  • "ruote verticali", che possono essere azionate: "per di sotto" (in questo caso l'acqua colpisce le pale in basso facendo assumere alla ruota una rotazione antioraria); "per di sopra" (in questo caso la ruota si presenta quasi sempre "a cassette", o per dirla con un termine cinquecentesco "a copedelli" o "copeélli" e l'acqua, convogliata da una doccia, colpisce in alto le pale "a cassetta", facendo assumere alla ruota una rotazione con verso orario: l'energia rotante è dovuta sia alla spinta dell'acqua, sia al peso di questa nelle cassette e proprio per questo viene anche detta ruota d'acqua "di carico"); "di fianco" (in questo caso l'acqua finisce contro un fianco della ruota con l'aiuto di un distributore battente provvisto di direttrici, sicché la ruota assume una rotazione con verso orario rimanendo un po' sommersa).

Ruota verticale da sotto            Ruota verticale da sopra               

                                   Ruota verticale alimentata da sotto                       Ruota verticale alimentata da sopra      


Concorso letterario

L'Associazione Mulino Scodellino, in collaborazione con AIAMS e la rivista "Leggere:tutti", indice un concorso letterario per racconti inediti brevi, dedicati ai mulini, dal titolo "Ti racconto il mulino".

Per ulteriori informazioni info vedi la locandina o rivolgiti a scodellino@gmail.com o telefona al 339 6487370.

Concorso letterario

L'Associazione Mulino Scodellino, in collaborazione con AIAMS e la rivista "Leggere:tutti", indice un concorso letterario per racconti inediti brevi, dedicati ai mulini, dal titolo "Ti racconto il mulino".

Per ulteriori informazioni info vedi la locandina o rivolgiti a scodellino@gmail.com o telefona al 339 6487370.



Gita in Romania

MoaraRudaria

Visita alla valle dei mulini

di Rudaria dal 30/5 al 2/6

Vedi locandina

(annullata causa epidemia)

Gita in Romania

MoaraRudaria

Visita alla valle dei mulini

di Rudaria dal 30/5 al 2/6

Vedi locandina

(annullata causa epidemia)



Incontri on line sulla valorizzazione dei Mulini

 

           Facebook del16 05

Collegamento Facebook su:

-          AIAMS (www.facebook.com/AssociazioneItalianaAmiciDeiMuliniStorici/ )

-          MuliLù  ( https://www.facebook.com/SouthItalymills/ )

Incontri on line sulla valorizzazione dei Mulini

 

           Facebook del16 05

Collegamento Facebook su:

-          AIAMS (www.facebook.com/AssociazioneItalianaAmiciDeiMuliniStorici/ )

-          MuliLù  ( https://www.facebook.com/SouthItalymills/ )



GIORNATE DEI MULINI 2020

                   Locandina 2020 rid                   

GIORNATE DEI MULINI 2020 

 

Aderendo alle "Giornate europee dei mulini", l'AIAMS organizza, per il territorio italiano, la nona edizione delle "Giornate dei mulini storici".
La manifestazione si svolgerà sabato 16 e domenica 17 maggio.
I mulini partecipanti apriranno le loro porte al pubblico organizzando, eventualmente, anche alcuni eventi collaterali.

Attenzione

A causa dell'epidemia di coronavirus e della conseguente situazione di incertezza sulla sua evoluzione, con presumibili estensioni temporali delle limitazioni di aggregazione e spostamento,

la manifestazione è annullata.

Invece, in accordo con gli organizzatori,  si opta per un rinvio in data da destinarsi del convegno dal titolo “Il mulino nella tradizione popolare”, organizzato dal “Museo degli usi e costumi della Gente Trentina” di San Michele all’Adige (TN). 

                               

GIORNATE DEI MULINI 2020

                   Locandina 2020 rid                   

GIORNATE DEI MULINI 2020 

 

Aderendo alle "Giornate europee dei mulini", l'AIAMS organizza, per il territorio italiano, la nona edizione delle "Giornate dei mulini storici".
La manifestazione si svolgerà sabato 16 e domenica 17 maggio.
I mulini partecipanti apriranno le loro porte al pubblico organizzando, eventualmente, anche alcuni eventi collaterali.

Attenzione

A causa dell'epidemia di coronavirus e della conseguente situazione di incertezza sulla sua evoluzione, con presumibili estensioni temporali delle limitazioni di aggregazione e spostamento,

la manifestazione è annullata.

Invece, in accordo con gli organizzatori,  si opta per un rinvio in data da destinarsi del convegno dal titolo “Il mulino nella tradizione popolare”, organizzato dal “Museo degli usi e costumi della Gente Trentina” di San Michele all’Adige (TN).